Come Fare Rimbalzare Sassi sull’Acqua

Fare rimbalzare i sassolini su un velo d’acqua al mare o al lago. Ecco un passatempo che almeno una volta nella vita tutti hanno fatto o quanto meno provato a fare. Eppure riuscire a fare saltare i sassi su una superficie d’acqua non è semplice come dirlo. Attraverso questa semplice guida potrete imparare la tecnica giusta e migliorarvi.

Per prima cosa devi trovare dei sassi adatti a rimbalzare. I sassi devono essere il più piatti possibile e se riesci a trovarli anche leggermente allungati. Controlla anche che siano facili da impugnare (sarà poi spiegato come impugnarli in modo corretto). Inoltre i sassi soprattutto all’inizio devono essere di media dimensione per rendere facile impugnarli e lanciarli. Meglio raccogliere subito molti sassi della giusta forma in modo da averli a portata di mano per esercitarti senza interruzioni.

Posizionati in piedi a circa un metro dall’acqua e impugna il sasso. Tieni il sasso nella mano in modo simile a come impugni la penna, ovvero tienilo stretto tra tre dita; appoggia il pollice alla parte piatta superiore del sasso, il medio sulla parte inferiore (sempre piatta) e l’indice inferiormente e lateralmente rispetto al sasso. All’inizio ti conviene non tenerlo stretto troppo saldamente tra le dita, cosa che potrai fare quando avrai più manualità e capirai il momento giusto in cui lasciare andare il sasso.

Per compiere il lancio inizia esercitandoti con la mano dominante, poi una volta presa dimestichezza con il gesto potrai allenarti anche con l’altra. Per lanciare il sasso devi portare verso il petto la mano, con il polso piegato verso l’interno, portando in avanti il gomito; lancia poi il sasso riportando il braccio in posizione stesa davanti a te. Stai bene attento a mantenere il sasso in una posizione piatta durante il lancio. Esercitati a lungo. All’inizio incapperai in alcuni fallimenti, ma il successo è certo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *